mercoledì 7 gennaio 2009

Buon anno a tutti

Il 2009 è cominciato con i fuochi d'artificio
nonostante il vento e un pò di freddo, nonostante la crisi (ormai dichiarata), Vibo Marina ha festeggiato il nuovo anno sparando non solo botti ma veri e propri fuochi d'artificio.
Una zona in particolare, lassù sulle colline, sulla strada per Pizzo, ha dato spettacolo per una buona manciata di minuti.
La vista dalla spiaggia era suggestiva.
E' stato un buon inizio, tutto sommato, in allegra compagnia.
7 giorni sono volati.
Sufficienti però a cogliere le contraddizioni che da sempre caratterizzano il mio amato paese.
Da dove cominciare?
Mi piacerebbe iniziare dalle cose belle ma inizierò da quelle che non mi sono piaciute, per non rovinarmi la giornata...

Sul lungomare, verso i pontili, stanno allargando la strada, un ottima cosa direi, visto che prima era a doppio senso di marcia ma lo spazio consentiva il passaggio di una sola auto.
Stanno rifacendo anche i marciapiedi, meno alti di prima e con gli scivoli per le carrozzine.
Fin qui tutto bene.
Il lato negativo della faccenda è la sicurezza. Se ne è parlato tanto nel 2008, ma sembra che qui il dovere di render sicuri i cantieri non sia arrivato...ed è pure un'opera pubblica.
Sono andata a vedere i lavori di sera, purtroppo l'ultima sera prima di partire.
Completamente al buio, la zona dei lavori era recintata parzialmente, tant'è che molte persone camminavano in mezzo ai calcinacci e alle betoniere. Ovviamente non è colpa dei passanti, al buio è molto difficile orientarsi e per giunta senza segnaletica dei percorsi.
Mentre cercavo di stare attenta che la mia mamma si tenesse ben lontana dai lavori ho potuto notare un vuoto nel suolo (per ospitare una scala) senza alcuna recinzione.
E se al buio si fosse avvicinato un bambino e ci fosse caduto dentro?

Ho cercato il cartellone dei lavori dove di solito è specificato il nome del progettista, del direttore lavori, della committenza e del responsabile alla sicurezza. Ma nn l'ho trovato, forse per il buio...
Ovvio che se succede qualcosa di pericoloso, per il cittadino è sempre più difficile far valere i suoi diritti. In Calabria vige ancora il sistema medievale che usava la Chiesa per detenere il potere: l'ignoranza del popolo.

Poi mi sono avvicinata alla zona ecologica (AAAAHHHHHH!!!!)
Speravo di trovarvi un pò più di ordine in vista della raccolta differenziata porta a porta che dovrebbe partire a giorni.
Ed invece ho trovato il solito degrado...
La cosa insolita che mi ha fatto sorridere è stata notare che sulla strada erano posti, su un lato, una fila di cassonetti blu perfettamente in ordine e vuoti (senza coperchio) e dall'altro lato, i vecchi cassonetti, compresi quelli della raccolta differenziata, colmi di spazzatura dentro e fuori con un olezzo devastante.
Contraddittorio.
Forse l'impresa della raccolta si occupa solo di quelli nuovi e quelli vecchi sono abbandonati a se stessi?

Difficile trovare una risposta con un pò di buon senso...

Ma veniamo alle cose belle che mi sono portata dietro...
Una mattina sono rimasta chiusa in ascensore, prima io poi una famiglia con bambini. Ho chiamato il tecnico addetto alla manutenzione, è arrivato la mattina stessa, prima di pranzo.
Onore alla prontezza, non me l'aspettavo. E' stato molto disponibile e mi ha spiegato con molta pazienza il sistema di emergenza, salvo poi chiedermi da firmare più righe di quanto dovevo...mi sono rifiutata (probabilm. sarò stata scortese ma non mi sembrava gli dovessi qualche favore solo perchè stava lavorando!!!!)
Comunque la cosa si è conclusa bene, una chiacchierata amichevole e gli auguri di buon anno.

Le due serate da Tato's, trascorse come se mi trovassi a casa mia, davanti ad un camino, un bicchiere di porto e la compagnia di buoni vecchi e nuovi amici. La disponibilità di Tato è proverbiale. La bellezza di ritrovare volti familiari scalda il cuore.

E poi la bravura di Lorena e Massimo nell'organizzare la festa di Capodanno come dei professionisti. Bravi! La loro idea ha funzionato! 25 euro per partecipare ad una festa con consumazione illimitata. Solo facce amiche, solo volti conosciuti, amici di amici...è filato tutto liscio come l'olio. Buona musica e variegata, barman simpatici e tanta voglia di festeggiare.

La cortesia dei commercianti e la timidezza ed il riserbo che li contraddistingue mi commuove ogni volta. 

E ora sono tornata a Firenze, la mia città adottiva. Si ricomincia con la routine e con nuovi progetti in testa...ma la Calabria sempre nel cuore.

5 commenti:

Giovanni Greco ha detto...

La Calabria è una bella regione ma hai comunque la fortuna di vivere a Firenze una delle più belle città d'Italia.
Ciao

calabrisella ha detto...

sono grata per avere la possibilità di vivere in un bel posto...Firenze è bella ed accogliente, ma è più forte di me, l'amore che provo per la Calabria è totalmente irrazionale

Spider21 ha detto...

Auguri anche a te per un sereno 2009, anche se in ritardo!
ps
la raccolta differenziata porta a porta è una specie di UFO, tutti ne parlano nessuno la vede.
Qui (umbria)è la stessa musica.
ciao

Anonimo ha detto...

Ciao segnalo un sito di notizie e politica su vibo valentia

http://vibovalentiamilionaria.blogspot.com/

AnnaDrai ha detto...

Buon Anno :)